Stefano Giachetti

logo_square

Brano: Qualcuno
Artista: Stefano Giachetti
Sezione: Inediti

Mi chiamo Stefano Giachetti, ho 47 anni e vivo a Firenze, sono cantante poliedrico e cantautore, come cantante riesco a elaborare tantissimi timbri di voce per tutti i generi musicali, soprattutto per 5 generi musicali cioè: pop, jazz, folk, alternative indie, lirica, come mi ha detto la mia ultima insegnante di canto che si chiama Cheryl Porter, riesco in questo contesto a fare anche delle voci leggermente femminili, sullo stile vocale di cantanti anche come Mina, Ella Fitzgerald, Sarah Vaughan, Edith Piaf, come ha notato questa mia ultima insegnante di canto, sono 4 anni che studio canto e continuo a studiarlo, poi scrivo canzoni, solo il testo letterario, in quanto non ho mai studiato strumenti musicali, però riesco a elaborare la melodia musicale cantando sopra il testo letterario delle canzoni che scrivo, infine a livello artistico riesco a elaborare anche delle musiche con le mie corde vocali facendo il violino, come hanno notato i maestri di canto che avevo anni fa, con i quali feci una volta in sala di registrazione la musica del film: c’era una volta in America, ho scoperto queste mie capacità vocali all’età di 19 anni, e l anno dopo volevo iniziare la mia carriera artistica, ma ho avuto sempre promesse su promesse come avviene purtroppo nel mondo dello spettacolo senza essere arrivato a niente, sono laureato in scienze politiche e sono disoccupato, ora qui mi voglio presentare con una canzone scritta in parte da me e dal mio produttore discografico, che purtroppo morì 5 anni fa che si chiamava Attilio De Rosa, detto Art De Rosa, che era anche giornalista da circa 40 anni nel mondo dello spettacolo, in suo ricordo, questa canzone si intitola: “Qualcuno”, ed è una canzone che parla della crisi del mondo contemporaneo, ma alla fine dio esiste.

Posted in Artisti in Gara 2017, Inediti 2017 and tagged , , , .

2 Comments

  1. Roma deve cambiare nei suo modi – ha continuato Giachetti nel suo video – ciascuno di noi deve sentirsi chiamato in causa per produrre questo cambiamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *